esperienze di coaching all'Isola d'Elba

Questo è uno di quei post in cui ti racconto cosa puoi fare all’Isola d’Elba (Livorno) il primo week end di Giugno.

Mi correggo: tra queste righe incontrerai persone e attività che puoi fare all’Elba  che hanno cambiato la mia prospettiva sulle cose.

No, non ti racconto di visite museali o di spiagge da frequentare ma ti parlo di esperienze d’isola che sposano la filosofia del benessere e del prendersi cura di sé.

Forse sai già che vivo l’isola da oltre 15 anni ma non credo tu sappia che grazie a Silvia Ramalli, incontrata per un piacevole caso a un corso di astro-mito-botanica, il  mio concetto dell’abitare un luogo si sta popolando di nuovi colori.

Silvia si occupa come me di crescita personale e lo fa da un punto di vista nuovo, a partire dalla nostra capacità immaginativa.

Tra le righe del suo sito (che presto si doterà di un blog, anche se lei non  ne è ancora consapevole) Silvia ti spiega come lavora e ti accompagna nel suo concetto di abitare olistico, ricordandoti che noi abitiamo in primis noi stessi, poi la casa e infine un pianeta  e che tutto è incredibilmente interconnesso.

Dalla qualità dell’abitarsi passa anche quella dell’abitare la propria casa e il pianeta tutto e viceversa, in un continuo scambio e rimando di suggestioni.

Grazie a Silvia  ho realizzato che ciò che mi lega  all’Isola d’Elba è la straordinaria commistione di ambienti naturali capaci di risvegliare il mio benessere, intimamente legato alla natura e alla buona energia che questi  luoghi sanno trasmettere.

In effetti ho sempre avvertito un legame profondo, quasi viscerale, con i boschi  e le coste isolane, familiarizzando con il salmastro e la natura ventosa dell’isola e oggi capisco perché all’Elba, più che in un’aula, riesco a proporre percorsi di coaching e di crescita personale.

La cosa bella è che io credo che sull’isola  lo stiano realizzando molte persone che non a caso si sono riunite in una iniziativa volta ad animare ogni anno il mese di maggio con eventi legati al Benessere.

Nelle settimane precedenti  si sono succedute sedute di yoga, letture, arte terapia, teatro  e massaggi,e sulla pagina Facebook di Elba Benessere ne trovi traccia.

Io credo che questo testimoni, nel piccolo, il desiderio di ampliare la tradizionale offerta turistica del territorio con una serie di opportunità di fruizione che passano per la qualità di vita che l’isola offre.

Io stessa ho potuto godere del privilegio di tenere un corso di comunicazione consapevole a due passi dal mare, in un contesto naturale di rara bellezza, coccolata dalle attenzioni di Alessandra, proprietaria degli appartamenti Le Drupeole.

Se, come ci ricorda Silvia, siamo in relazione con un dentro (noi stessi) e un fuori (l’ambiente in cui viviamo) io credo che vivere l’isola rappresenti una opportunità di benessere e condivisione che non dovremmo lasciarci sfuggire ma che anzi dovremmo imparare a valorizzare come merita, anche attraverso la creazione di una serie di proposte di fruizione di pregio.

Cosa puoi fare all’Elba:

A questo proposito,  il 4 e il 5 Giugno, ci pensa Maria a offrirci una opportunità di conoscenza di noi stessi e delle dinamiche che ci muovono nelle relazioni che mi sento di consigliarti.

Psicoterapeuta specializzata in mindfulness, appassionata di natura e sostenitrice di reti virtuose e collaborative,  Maria opera da anni all’Isola d’Elba e dell’esperienza che propone scrive:

Il seminario esperienziale è una potente e delicata occasione per riflettere sulle nostre modalità di interazione con gli altri e con il contesto, sulle nostre difese (eccessive? mancanti?) sulla nostra aggressività più o meno consapevole, sulla nostra eventuale eccessiva acquiescienza o durezza

Per l’occasione   ha creato un evento su Facebook dove puoi trovare maggiori informazioni e capire la logistica che ti richiede partecipare al suo seminario  “La pelle dell’Anima”.

A me qui preme sottolineare come l’isola a solo un’ora di traghetto dal porto di Piombino, diventi ogni giorno di più teatro naturale di eventi e ritrovi e soprattutto di momenti di conoscenza e confronto sul tema del conoscersi e dello stare bene.

Io credo che questo rappresenti una chiara opportunità per chi al piacere di un week end al mare voglia abbinare quello di regalarsi momenti di crescita personale e di ascolto e penso anche che questa sia una delle enormi potenzialità che abitano l’isola.

Storie, persone, paesaggi,  silenzi, salmastro, mare Mediterraneo e angoli di natura selvaggia sono nel mio immaginario le componenti straordinarie alla base di un’esperienza d’isola d’Elba  incredibile e anche dei percorsi di crescita personale e di consapevolezza comunicativa che ti propongo (all’Elba anche in versione giornaliera, come è accaduto qualche giorno fa).

L’isola, sebbene sia la terza d’Italia per dimensioni, è comodamente esplorabile in un paio di giorni e gode di una grande varietà di offerta di soggiorni esperienziali di cui puoi godere proprio in virtù delle sue dimensioni ridotte.

Come forse saprai, io stessa ho un calendario eventi legato a elbaexperience che a breve uscirà e che racconta di esperienze di coaching in natura, rivolte sia a chi desideri affrontare in modo creativo e asssertivo un momento di cambiamenti, sia a chi voglia imparare a comunicarsi in modo efficace.

I primi di giungo personalmente  non sarò sull’isola ma se tu potessi, faresti bene a non lasciarti sfuggire il seminario esperienziale di Maria e perché no, dopo potresti raccontarmelo 🙂

Buona Elba!