Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

Cuordiferro – bagno di bosco a Calcaferro

Luglio 17 @ 10:00 - 16:30

€30

Il bagno di foresta è una pratica che nasce negli anni ’80 in Giappone a scopo terapeutico, per far fronte a un crescente numero di casi di “burn out”, stress e insonnia.
Con il tempo e l’avanzare delle ricerche a cura del dott. Qinq-Li, la pratica dello shinrin-yoku si è diffusa e ampliata, fondendosi con pratiche silvoterapeutiche e meditazioni in natura.

Al di là dell’affascinante proliferare di proposte che vanno dall’abbracciare un albero a un trekking con soste meditative, passando per la meditazione silvestre, il riconoscimento delle erbe o il camminare a piedi nudi in un bosco, credo che nella sua essenza il bagno di foresta sia e debba rimanere una infusione di natura, raggiunta con una progressiva e profonda immersione sensoriale che, proprio per il suo carattere intimo, personale e introspettivo, rientra a pieno titolo nelle esperienze di crescita personale che normalmente gravitano attorno alle professioni di aiuto.

Per questo motivo, il  condurle richiede una capacità nel gestire gruppi e nel contenere tutto ciò che la pratica potenzialmente muove nelle persone perché di fatto, si tratta di gestire processi interiori nel qui e ora, che l’immersione in Natura facilita e in alcuni casi accelera.
Per farlo mi ispiro profondamente al lavoro dell’ecologa del profondo Joanna Macy che vede nel nostro “andare in Natura” in modo sempre più consapevole, un modo per guarire se stessi e lenire la sofferenza del pianeta che proprio la nostra intima disconnessione ha causato.

Più pratico questo tipo di esperienze, più mi accorgo che somigliano a vere e proprie proposte ecoterapiche, ragione per cui oltre agli studi clinici ed ecoterapeutici, sto approfondendo una formazione per diventare   insegnante di  econidra. Si tratta di  una pratica che unisce i benefici della meditazione silvestre a quelli dello yoga nidra. Lo yoga nidra è l’arte di guidare se stessi e altre persone  nello stato di coscienza più profondo in cui si sperimenta il riposo profondo, la consapevolezza spaziosa e la Presenza.
L’econidra approfondisce il potenziale di rilassamento profondo che in natura si può ottenere attraverso pratiche specifiche volte a risvegliare il nostro potenziale trasformativo e autoguarente. Si tratta di una pratica di grande beneficio,  che sviluppa la nostra connessione con la natura e  che ci sostiene nel piantare nel potente terreno del nostro subconscio i semi di trasformazione, imparando a coltivare con consapevolezza e lucidità  il punto liminale  e fertile tra la veglia e il sonno.

Dove andremo

Questo bagno di foresta si svolge nell’incredibile museo a cielo aperto delle miniere di Calcaferro, nel comune di Stazzema (LU) che corre lungo il canale della Radice (il nome già ispira possibili lavori ecoterapeutici, non credi?)

La borgata di Calcaferro è una preziosa custodia della storica antropizzazione avvenuta nel territorio di Stazzema, specificatamente per le attività degli ex Polverifici Riuniti dell’Alta Versilia  e le escavazioni minerarie effettuate nelle innumerevoli gallerie aperte su entrambi versanti del canale che scorre fragoroso e vitale.

Oltrepassata la piccola galleria scavata nella roccia, soglia naturale che introduce nel tempo che fu, si entra nel silenzio dell’area delle Molinette. Splendido e immerso nella frescura, si staglia davanti agli occhi meravigliati dalla tanta e improvvisa bellezza,   il secolare  ponticello medievale di Zinebra.

Qui regna il silenzio della minuta valle della Radice che è così profondo da aprire improvvisi squarci interiori di inaudita potenza.

Dal fiume par giungere l’eco di voci lontane di taglialegna, carbonari, minatori, tremori di tramogge e di pale di mulini, di fischi dei carrelli delle teleferiche che sorvolavano un tempo l’aria rugginosa del posto. Dalle pietre tufacee delle testate d’angolo dei manufatti il segno inequivocabile di essere nel cuore di passi antichi, la certezza che il tempo qui fu ed è storia.

Qua la Madre respira, si sente, e lavorare a contatto con le sostanze volatili che sono al centro del bagno di foresta, risulta naturale.

C’è profumo di humus, di foglie che si impastano alla terra e di tannino, specie dove i tronchi sono in decomposizione. Questo bosco è vivo, respira con me, e questa sensazione, unita alla meraviglia, mi sostiene lungo la salita.

Più passa il tempo, più mi convinco che l’ecoterapia sia un impasto vivo e creativo di ingredienti che puntano a riunire ciò che è scisso dentro di noi, attraverso una gran quantità di linguaggi.

Penso ai suoni e alle mille voci del bosco, al vento sulla pelle e al calore di Nonno Sole, ma penso anche ai profumi, alle consistenze, alla ruvidezza di un tronco, all’umidità sulla roccia, al correre rapido delle nuvole, alla presenza costante delle cime. Tutto parla, tutto restituisce senso e significato in questo incredibile Mandala esistenziale dentro cui siamo immers* e camminarlo aiuta a penetrarne i significati.

Cosa faremo

In questa giornata faremo una profonda esperienza di ecogeografia  interiore.

Andremo cioè a mappare le regioni della nostra interiorità a partire dai generosi scorci che qui la natura, mescolatasi fin dal Medioevo a una importante impronta umana, offre a chi cammini la gola e lo faremo attraverso esperienze di arteterapia, intelligenza somatica, poesia e mindfuilness.

 

Come sempre, per garantire un lavoro approfondito a tutto il gruppo, lavoro con poche persone, ragione per cui nel caso ti interessasse, ti consiglio di iscriverti cliccando qua

Luogo di ritrovo e maggiori informazioni circa ciò che ti sarà utile portare, ti verranno dati al momento dell’iscrizione.

 


Qualcosa su di me:

Sono una ecoterapeuta, mindfulness counselor diplomata presso ilmonastero buddista ITLKforest bathing trainer certificata dal “Forest Therapy Institute” che ha una esperienza di vita e di lavoro intimamente legata al mondo della crescita personale.

Ho una laurea in psicologia nella quale ho approfondito le relazioni esistenti tra le pratiche di bagni di foresta, la mindfulness e i processi di espansione della coscienza ecologica individuale e collettiva, perché sono profondamente affascinata dal mondo naturale e dalla sua intima relazione con l’essere umano. Attualmente sto proseguendo miei studi di psicologia, con una specializzazione clinica.

Ho sviluppato il mio interesse per l’ecologia del profondo a scopo terapeutico, frequentando il Professional Ecotherapy  Tranining and Certificate Program a cura della psicoterapeuta ed ecoterapeuta Ariana Candell fondatrice dell’Earthbody Institute di Berkeley (USA).

Mi sto diplomando esperta facilitatrice in Medicina Forestale presso la Scuola Italiana di Medicina Forestale, per promuovere la salute delle persone, favorire il recupero funzionale in ambito sanitario e riabilitativo e/o per attivare processi biopsicosociali di motivazione, coaching, counseling. 

Ho studiato le relazioni tra psicodharma e psicologia occidentale presso il Tara Mandala Center, in Colorado (USA) a cura di Lama Tsultrim Allione, con un focus specifico sul femminile illuminato e un lavoro gestaltico sui blocchi interiori.

Sto approfondendo il mio interesse per l’espansione degli stati di coscienza a scopo terapeutico,  frequentando l’awakened mind training  presso l’Arthur Findlay College, Londra (UK).

Mi sto formando come costellatrice familiare con l’approccio sistemico aperto alla Mindfulness introdotto da  Attilio Piazza, allievo diretto di Bert Hellinger.

Sto concludendo una formazione per diventare insegnante di Econidra, con un focus specifico sulle tecniche di rilassamento in natura e le pratiche di consapevolezza negli stati ipnagogici.

Sto studiando e praticando la via maya-tolteca di cosmovisione della Via Salka.

Se vuoi saperne di più clicca qua.

Dettagli

Data:
Luglio 17
Ora:
10:00 - 16:30
Prezzo:
€30
Categoria Evento:
Tag Evento:
, , , , , , , , , , ,