Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

Mycelium – meditazione di selva e dendromorfismo

Marzo 6 @ 9:30 - 16:00

€40
bagno di bosco

Se la forma scompare la sua radice è eterna.

 

La nostra intima relazione con la Natura si nutre di suggestioni, sensazioni fisiche, ricordi che balenano all’improvviso al solo sfiorare i muschi, la rugosità di un tronco, l’umidità delle rocce.

In foresta ogni esperienza è amplificata e sostenuta da un sotterraneo sottilissimo insieme di relazioni e scambi che viaggiano alla profondità del micelio per poi manifestarsi in una intuizione, in una sensazione di inesprimibile unione e comunione capace di restituire senso e scopo alle nostre vite.

In questa giornata proporrò una esperienza particolare, che ho affinato nel tempo, bagno di foresta dopo bagno di foresta, scoprendo i benefici di una immersione sensoriale profonda, capace di ampliare le nostre sensazioni e percezioni e di ricondurci all’essenza del nostro essere dendromorfi.

Saranno infatti gli alberi e la selva tutta di Sillico, a condurci in una lenta esplorazione tra ricordi e sensazioni, rievocando qualcosa che è sempre esistito nelle antiche culture.

La storia  dell’uomo inizia infatti in  un oceano arboreo; tra le foreste di un verde quasi nero. L’uomo vi è dentro – abita il mondo – decifrando un lògos ignoto e sinistro. Fissa, muta e guardinga, la selva scruta ogni singola mossa; ed l’uomo vi interagisce, le parla, quasi a volere esorcizzarne le ombre.

Uno scambio – questo – sotto l’egida di un diffuso animismo, raffigurante il bosco quale pantheon; sentiero, e via, per il mondo extra homo: è tra gli alberi che sorgono i primi templi; è dalle piante che la mitologia si sviluppa. La natura, quindi, come è lecito aspettarsi, diventa – sin dall’inizio – simbolo da interpretare; e il bosco – la sorgente del verde – musa di sentimenti contrastanti: riconoscenza, da un lato, per le risorse e il sostentamento; timore, dall’altro, per le sue ombre e i suoi rumori.

Da ciò, quindi, nasce l’esigenza di dominare tale entità ambigua, all’apparenza immobile ma, al contempo, viva e brulicante in fermento; luogo, altresì, d’inspiegabili accadimenti. Basta dare uno sguardo alle fiabe, per constatare come atavici retaggi – legati ai riti e ai culti silvestri – siano sopravvissuti nel corso dei secoli, fissi in un serbatoio archetipico pronto a manifestarsi nel letterario: persa nel bosco, Cappuccetto Rosso s’imbatte nel famelico lupo; mentre Hänsel e Gretel, abbandonati dai genitori nella foresta, finiranno poi nel menu della strega. Dalle fronde boschive, oltretutto, era ricavata la bacchetta magica: oggetto, in sé, racchiudente tutte le forze di quel mondo. Già da questi primi accenni, possiamo renderci conto di come il bosco sia da sempre il luogo delegato ai prodigi, collettore di entità e manifestazioni inusuali (il lupo parlante, la casetta di marzapane).

Ripercorreremo quindi ambienti e suggestioni, in un geografia interiore che si fa incrocio di storie e volti che spesso si scoprono più simili e familiari di quanto a primo acchito sembrerebbe.

Lavoro solo con piccoli gruppi.

Per iscriverti clicca qua.

 


Qualcosa su di me:

Sono una ecoterapeuta, mindfulness counselor diplomata presso il monastero buddista ITLKforest bathing trainer certificata dal “Forest Therapy Institute” e life coach a indirizzo psicodinamico che ha una esperienza di vita e di lavoro intimamente legata al mondo della crescita personale.

Ho una laurea triennale in psicologia nella quale ho approfondito le relazioni esistenti tra le pratiche di bagni di foresta, la mindfulness e i processi di espansione della coscienza ecologica individuale e collettiva, perché sono profondamente affascinata dal mondo naturale e dalla sua intima relazione con l’essere umano.

Sono insegnante certificata  di EcoNidra, con un focus specifico sulle tecniche di rilassamento in natura a indirizzo psicosintetico e sulle pratiche di consapevolezza negli stati ipnagogici.

Attualmente sto concludendo gli studi  magistrali di psicologia clinica con una tesi di laurea che indaga i benefici dell’ecoterapia associata alla Terapia Focalizzata sulla Compassione di Gilbert.

Ho sviluppato il mio interesse per l’ecologia del profondo a scopo terapeutico, frequentando il Professional Ecotherapy  Tranining and Certificate Program a cura della psicoterapeuta ed ecoterapeuta Ariana Candell fondatrice dell’Earthbody Institute di Berkeley (USA).

Attualmente sono socia con la mia Associazione Culturale Silvatica,  della Scuola Italiana di Medicina Forestale  e i  percorsi di formazione e/o le immersioni sensoriali che propongo, valgono come tirocinio per completare la formazione AIMEF.

Ho approfondito le relazioni tra psicodharma e psicologia occidentale presso il Tara Mandala Center, in Colorado (USA) a cura di Lama Tsultrim Allione, con un focus specifico sul femminile illuminato e un lavoro gestaltico sui blocchi interiori.

Ho coltivato il mio interesse per l’espansione degli stati di coscienza a scopo terapeutico,  frequentando l’awakened mind training  presso l’Arthur Findlay College, Londra (UK).

Ho approfondito gli studi con Joanna Macy alla School for The Great Turning che mette in evidenza  i punti di incontro tra saggezza personale, ecologica e spirituale per rafforzare il self empowerment e incoraggiare la guarigione del pianeta.

Sto studiando con i padri fondatori  dell’ecopsicologia ossia Andy Fisher, Linda Buzell Jeanine Canty, e  Craig Chalquist per ottenere  l’Ecopsychology Certificate  al Pacifica Graduate Institute, California.

Sto proseguendo gli studi di approfondimento degli stati alterati di coscienza  a scopo terapeutico presso la SoulWell Academy, attraverso  l’Awakig Mediumship Method.

Se vuoi saperne di più clicca qua.

 

 

Dettagli

Data:
Marzo 6
Ora:
9:30 - 16:00
Prezzo:
€40
Categoria Evento:
Tag Evento:
, , , , , ,